Articoli

A Natale ogni casa si veste di luci, colori e allegria: oggi vi facciamo entrare in casa Calegaro e vi raccontiamo passo passo, come ci stiamo preparando a questo magico evento.

8 Dicembre

L’8 dicembre, giorno in cui si festeggia l’Immacolata concezione, è per tradizione il giorno che segna l’inizio dei preparativi in vista delle festività.

Natale si sa, è da sempre legato al colore rosso e verde ma noi quest’anno, vogliamo mostrarvi alcune proposte che abbiamo scelto per le stanze di casa Calegaro.

Il primo colore protagonista è il ROSA: una nuance insolita ma molto elegante, raffinata e gradevole che ben si accosta al bianco e al grigio e che abbiamo deciso di impreziosire con toni d’argento e una punta di azzurro.

Il rosa, oltre ad essere simbolo di garbo e delicatezza, viene associato alla speranza e all’ottimismo quindi è un colore benaugurante.

Il secondo colore è l’ARGENTO che, abbinato all’oro e al bianco, crea un gioco di colori molto particolare: i due metalli nobili s’incontrano in un accostamento così prezioso e delicato che donerà luce ed armonia alla vostra casa.

L’argento è il colore sinonimo di lusso, ricchezza e prestigio, caratteristiche che ritroviamo anche nell’oro, simbolo, tra le altre cose, di felicità.

Il terzo colore è il VERDE PINO: una nuance molto caratteristica nata da una miscela di verde e azzurro che dona un effetto naturale e rilassante. Questo colore può essere esaltato da elementi in argento o in azzurro così da creare una piacevole gradazione di tonalità.

Il colore verde pino favorisce la calma ed è simbolo di speranza e di vitalità.

E una volta addobbato l’albero e la casa, rimane giusto il tempo per gli ultimi acquisti.

I regali di Natale

Per coloro che sono ancora incerti su quale regalo prezioso fare ad una donna speciale, vi invitiamo a leggere i nostri consigli nell’articolo A Natale, un gioiello per ogni donna; per chi invece è indaffarato a incartare i regali, ecco alcune semplici regole di bon ton che noi utilizziamo per i nostri preziosi regali di Natale.

1. La carta regalo

Per prima cosa, usare carta rigorosamente a tema e, quando la scegliete, ricordatevi sempre a chi è destinato il regalo: se sono bambini e ragazzi sbizzarritevi con animaletti, renne e babbi natale mentre con gli adulti andiamo su fantasie più sobrie quali stelle, fiocchi di neve, le classiche righe o i pois.

Il consiglio in più…

Per i più creativi ed estrosi, è possibile acquistare della semplice carta da pacchi da impreziosire poi con appositi pennarelli dai colori metallici o da luccicanti glitter: chi riceverà il regalo, apprezzerà anche questa piccola personalizzazione!

2. Il fiocco/nastro

Ogni pacchetto regalo che si rispetti, deve avere il suo bel fiocco o nastro ad impreziosirlo: in commercio se ne trovano di tante misure e materiali, l’unica regola da rispettare è la coerenza di colore con la carta regalo… per i giochi di colore, aspettiamo carnevale!

Il consiglio in più…

Il nastro di raso ha sempre il suo fascino: puoi anche pensare di usare due colori insieme o addirittura di arricchire il fiocco con altri accessori come una piccola campanella, dei charms natalizi in legno o della cannella.

3. Il biglietto di auguri

Il grande dimenticato dei pacchetti regalo è lui, il biglietto di auguri! Sarà che molti vengono assaliti dal panico non sapendo cosa scrivere o hanno timore di cadere sul banale, ma il biglietto è parte integrante di un regalo anche solo come tratto distintivo per riconoscere questo da quel regalo ed evitare così spiacevoli malintesi di “scambio regalo”.

Il consiglio in più…

Per chi è a corto di idee e davvero non sa cosa scrivere sul biglietto di auguri, affidatevi al web e cercate tra le frasi di personaggi famosi: artisti, scrittori, attori, film dal quale trarre ispirazione o copiare citandone ovviamente la fonte… lo stupore è garantito!

24 Dicembre

La vigilia di Natale è una delle serate più magiche dell’anno ed è la sera in cui (Covid permettendo) vedrà tutta la Famiglia Calegaro riunirsi; dai piccoli in trepida attesa per scartare i regali, agli adulti che si apprestano ad allestire la tavola per la tradizionale cena: dalla tovaglia ai sottopiatti, dalla posateria al centrotavola tutto deve essere perfetto. Ecco quindi una infografica da tenere a portata di mano per comporre una mise en place impeccabile e stupire gli ospiti con una perfetta tavola natalizia.

Per chi avesse necessità di qualche consiglio in più, vi invitiamo a leggere il nostro articolo Come preparare la tavola Natalizia: le regole della mise en place: il Natale porta con sé un’atmosfera unica e d’incanto e la tavola contribuisce ad alimentare questa magia.

Ha inizio il Natale 2021 e in casa Calegaro lo si ricorderà come un evento davvero speciale: dal traguardo importante del Centenario all’inaugurazione del museo dell’Argento Spazio Calegaro… e nuove vite stanno per nascere per continuare la tradizione argentiera di Famiglia!

LE REGOLE DELLA MISE EN PLACE PER LA TAVOLA NATALIZIA

Mancano pochi giorni a Natale! Vediamo qui di seguito alcune regole e consigli per comporre una mise en place impeccabile per stupire i vostri ospiti con la vostra tavola natalizia.

TAVOLA
Iniziamo dalla tavola: la tavola deve essere abbastanza grande da far stare comodi i vostri invitati. Deve esserci uno spazio adeguato tra un ospite e l’altro in modo da permettergli di muoversi liberamente. Per una cena formale, l’ideale sarebbe avere una distanza di circa 70 cm tra il centro di un piatto e l’altro. Tenete conto che in altre occasioni meno formali, che necessitano quindi di meno posateria, potreste ridurre leggermente questo spazio.

TOVAGLIA
Per quanto riguarda la tovaglia con cui andrete a coprire la vostra tavola, dovete scegliere colore e tessuto in base al vostro stile o al tema dell’evento organizzato senza però esagerare con le trame fantasiose. Lasciate l’eccesso e privilegiate un equilibrio formale e cromatico. Il tessuto sintetico sarebbe da evitare, sia per la poca pregevolezza del materiale, sia per l’effetto che ha al tatto. La lunghezza della vostra tovaglia deve essere adeguata a quella del tavolo, non deve risultare né troppo corta né eccessivamente lunga. L’ideale sarebbe avere una caduta della tovaglia di circa 40-50 cm dal bordo del tavolo. Tra la tovaglia e il tavolo va posizionato il mollettone, un panno felpato, che deve essere ben tirato affinché la tovaglia vi aderisca correttamente. La sua funzione è proteggere il tavolo da calore, urti o rovesciamenti vari, attutire i rumori di piatti, posate e bicchieri e impedire che la tovaglia scivoli.

TOVAGLIOLO
Il tovagliolo deve essere necessariamente di tessuto, evitando assolutamente quello di carta in quanto poco raffinato. Va collocato a sinistra della prima forchetta, a mezzo cm dal bordo del tavolo e va piegato prediligendo forme semplici.

SOTTOPIATTO E PIATTI
Dopo aver visto come scegliere e posizionare correttamente la vostra tovaglia, passiamo a ciò che va posto al di sopra di essa. Iniziamo dal sottopiatto e dai piatti. Il sottopiatto va messo al centro del posto tavola, a circa 2-3 cm dal bordo del tavolo e sopra vanno collocati i piatti che occorreranno durante la cena: il piatto piano e, eventualmente, anche il piatto fondo.

POSATERIA
Per quanto riguarda la posateria, le forchette vanno a sinistra del piatto mentre i coltelli vanno a destra. Partendo dall’esterno si posizionano le posate in base all’ordine delle portate: all’estrema sinistra troveremo la forchetta per il primo piatto, poi quella per il secondo e così via. Lo stesso si fa con i coltelli (all’estrema destra il primo coltello che si utilizzerà e gli altri in successione). Se per le portate è necessario il cucchiaio, esso va posizionato alla destra di tutto. La posateria da dessert va collocata in orizzontale davanti al piatto. Il cucchiaino e il coltello da dessert devono avere il manico rivolto verso destra, la forchettina verso sinistra.

BICCHIERI
Lo spazio giusto per i bicchieri è in alto a destra del sottopiatto. Anche questi ultimi hanno una precisa collocazione in base alla loro grandezza. Il primo è il più grande, per l’acqua, troviamo poi il calice per il vino rosso e per ultimo, perché più piccolo, il calice per il vino bianco. In caso ci fosse un flûte, va posizionato subito dietro agli altri bicchieri.

PIATTINO PER IL PANE
Per il pane si può scegliere di portarlo in tavola con appositi cestini o di prevedere per ogni posto tavola un piattino per il pane. Quest’ultimo va messo a sinistra della posateria da dessert.

CENTROTAVOLA
Potete scegliere di realizzare o comporre un centrotavola natalizio o di abbellire la vostra tavola con un candelabro con delle candele dei colori scelti per l’occasione.

Queste sono le regole della mise en place per preparare una tavola perfetta per accogliere i vostri ospiti nel migliore dei modi. Il Natale porta con sé un’atmosfera unica e d’incanto e la tavola contribuisce ad alimentare questa magia.

Candelabro Calegaro in argento

SCOPRI I PRODOTTI DELLA SERIE “LA TAVOLA”

Nove99 si arricchisce di nuovissimi prodotti! È nata la serie “La Tavola” dedicata ad uno dei momenti più piacevoli della giornata, lo stare a tavola: è l’occasione per dedicare del tempo e delle attenzioni speciali a sé stessi e soprattutto alle persone amate. Grazie a Nove99 la tavola assume un nuovo modo d’essere, diventando un luogo di incontro. A legarsi sono i valori di condivisione, generosità e benessere con quelli di eleganza, bellezza e buongusto.

L’argento puro ricopre oggetti d’uso quotidiano, donando loro uno stile completamente rinnovato, senza rinunciare in alcun modo alla loro funzionalità che viene anzi esaltata grazie alla semplicità e all’efficienza delle forme.

Sfoglia subito la nuova brochure e scopri i nuovi prodotti! -> Brochure LA TAVOLA

Nuova serie "La Tavola" by Nove99
Nuova serie “La Tavola” by Nove99