STORIA DELLA VILLA CALEGARO – EMO CAPODILISTA

STORIA E TRADIZIONE

Villa Calegaro – Emo Capodilista

Edificio ricco di storia e tradizione, la Villa Emo Capodilista, ai piedi dei Colli Euganei, è la sede principale dell’azienda Calegaro fin dal 1968. La famiglia Calegaro ha scelto questo luogo come cuore pulsante della propria attività.

LA FAMIGLIA EMO CAPODILISTA

Il nome “Emo Capodilista” fu il risultato dell’incontro di due importanti famiglie: la famiglia Emo e la famiglia Capodilista.
La famiglia Emo fu tra le fondatrici della Serenissima Repubblica di Venezia e vide tra i suoi membri numerosi personaggi celebri tra cui Procuratori di San Marco, Governatori, Duchi di Candia e Ammiragli.
La famiglia Capodilista, invece, giunse in Veneto al seguito di Carlo Magno nell’800 e i suoi membri, sconfiggendo i Longobardi, ottennero molti feudi ed il titolo di conti.

Fu dopo la caduta della Serenissima che le due famiglie si unirono con il matrimonio di Leonardo Emo e Beatrice Capodilista. Il cognome divenne allora Emo – Capodilista.

La famiglia Emo Capodilista donò, durante l’800, al comune di Padova un’importante collezione d’arte. Ancora oggi è possibile ammirare questi capolavori che fanno parte del patrimonio dei musei civici padovani.

LA COSTRUZIONE DELLA VILLA

La costruzione della villa avvenne nel 1864 e si deve a Giorgio Emo Capodilista, comandante della seconda Brigata di Cavalleria Genova e Novara contro gli austro-ungarici nella difesa di Pozzuolo del Friuli, l’inizio della riscossa durante la prima guerra mondiale.
Fino alla data della sua morte, il 1940, la villa fu la sua residenza. Nel pavimento a “terrazzo veneziano” è possibile leggere le sue iniziali e la data di costruzione dell’edificio “G.E.C 1864”.

LA FAMIGLIA CALEGARO

Nel 1921, Luigi Calegaro fondò l’azienda Calegaro. Si trattava di un piccolo negozio in via del Santo, in centro a Padova. Negli anni ’40 si costituì come solida entità industriale e nel 1968 venne scelta come nuova sede la Villa Emo Capodilista.
A fianco dell’edificio venne costruita l’area produttiva di 40 mila metri quadrati, con una superficie coperta totale di 12 mila.
Nel 2016, per volontà di Francesco Calegaro e dei figli, viene restaurata l’intera Villa. L’intento è di riportare alla luce l’eleganza e la raffinatezza del salone principale e delle ali laterali. Grazie all’intervento di restauro la Villa rivive l’antico splendore.
Un edificio talmente ricco di storia e tradizione non può che essere lo sfondo perfetto per un’azienda dai forti valori come Calegaro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento